I tunisini rispondono "presente" all'appello delle elezioni | Live in Tunisia

I tunisini rispondono "presente" all'appello delle elezioni

I tunisini rispondono "presente" all'appello delle elezioni
Tunisini intenti a votare per il nuovo parlamento

E' stata una giornata storica per la Tunisia questa domenica 26 ottobre 2014.

Alla chiusura delle urne si è registrata una affluenza media del 60% con un picco massimo nella circoscrizione di Ben Arous che ha raggiunto il 70%, mentre a Sidi Bouzid, dove tutto comincio' nel 2011, il picco di minima affluenza con il 48%

La giornata di voto è trascorsa senza incidenti e salvo qualche problema di code e qualche disguido che nei giorni scorsi ha reso difficile, se non impedito, il voto dei tunisini all'estero, senza particolari problemi.

Code ai seggi elettorali in Tunisia

Qualunque sia il risultato degli scrutini, resta il fatto che queste elezioni sono state un successo; e questo sia considerando il panorama degli altri paesi arabi sia di quelli africani.

Mai una fila d'attesa e' stata cosi' gioiosa in Tunisia!

Centinaia di migliaia di persone si sono dirette verso i seggi elettorali a partire dalle 6 di questa mattina e la stragrande maggioranza di questi sono stati affollati per tutta la giornata con code che si sono allungate per centinaia di metri.

Code in una squola utilizzata come seggio elettorale in Tunisia

All'interno delle sezioni di voto molti giornalisti, osservatori nazionali e internazionali e rappresentanti di lista.

All'esterno molto spesso caroselli di auto hanno percorso le strade a colpi di klaxon.

Famiglie intere e persone di tutte le eta' hanno riempito le file d'attesa in modo ordinato e disciplinato nella maggior parte dei casi.

Il tutto sotto la vigilanza di 80.000 soldati della Guardia Nazionale e degli osservatori delle organizzazioni internazionali e della societa' civile tunisina.

Una donna di una certa età si è rivolta ad un soldato, domandandogli come mai loro non avessero il diritto di votare. Questi ha risposto: "Siamo neutrali signora, noi serviamo la bandiera".

Tutti i cittadini tunisini che si sono oggi recati alle urne, hanno servito il loro paese e la loro bandiera!

Attendiamo ora i primi risultati. Quelli ufficiali e definitivi saranno comunicati mercoledì.

Vivere in Tunisia in un ambiente molto positivo

Un trasferimento in Tunisia effettuato in questo periodo risente di tutta la positività della gente, ansiosa di voltare pagina dopo gli eventi della Rivoluzione del 2011. Il periodo di soggiorno necessario per ottenere la residenza in Tunisia, potrà trascorrere quindi in un clima piacevole.

In ogni caso, per chi se lo stesse chiedendo, le vicende politiche del paese non interferiscono con la convenzione contro le doppie imposizioni che permette di riscuotere la pensione in Tunisia con un valore maggiorato, grazie alla defiscalizzazione del reddito.

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.